Dott. Francesco Saverio Mari
Dott. Francesco Saverio Mari

Ernioplastica Inguinale

La riparazione dell'ernia inguinale è volta alla chiusura dell'orifizio di passaggio dell'ernia ed al rinforzo della fascia trasversalis mediante l'apposizione di una rete in materiale biocompatibile.

La rete che a seconda delle necessità può essere di materiale non assorbibile, parzialmente assorbibile o completamente riassorbibile, può essere posizionata anteriormente (intervento classico) o posteriormente (intervento laparoscopico) alla fascia di rivestimento interno della parete addominale (fascia trasversalis).

La scelta dell'accesso laparoscopico al posto del tradizionale e quindi del posizionamento della rete è legata alle necessità del paziente di ricominciare rapidamente l'attività sportiva o alla presenza di ernie bilaterali o recidive. L'accesso laparoscopico è più invasivo (anestesia generale, rischio lesioni visceri addominali) ma consente un rapido ritorno all'attività sportiva ed è preferibile in presenza di una recidiva specie se già rioperata.

L'accesso tradizionale prevede una piccola incisione a livello inguinale.

L'intervento può essere eseguito in anestesia locale associandola eventualmente ad una blanda sedazione oppure in anestesa spinale.

Una volta identificato il sacco erniario questo viene preparato e ridotto in addome. Se nel sacco sono contenuti visceri addominali sarà necessario aprire il sacco e verificare la loro buona condizione e quindi riportarli in addome.

A questo punto è possibile riparare il difetto attraverso il quale si era fatta strada l'ernia posizionando se necessario un plug (tappo).

Dopodichè è necessario posizionare una protesi (mesh) a rinforzare la fascia muscolare in modo da ridurre il rischio di recidive o nuove ernie.

La rete dovrebbe essere fissata il meno possibile per ridurre il rischio di fastidi nel postoperatorio e a lungo termine.

L'intervento per via laparoscopica viene eseguito praticando 3 piccoli forellini di 5 mm attraverso la parete addominale e posizionando una rete (mesh) sagomata dall'interno dell'addome. E' sempre necessario prima di posizionare la rete di identificare e riportare il sacco erniario ed il suo eventuale contenuto in addome.

Prendi un appuntamento

chiama il 

391 7571510

oppure

Clicca qui

 

Dove trovarmi:

Svolgo quotidianamente la mia attività professionale presso:

Azienda Ospedaliera Sant’Andrea

Via di Grottarossa 1039, Roma

Casa di Cura Quisisana

Via G.G. Porro 5, Roma

Visite, Manometria Anorettale, Riabilitazione del Pavimento Pelvico, Interventi chirurgici, chirurgia e medicina estetica intima.

 

Ambulatorio

Venerdì ore 14.00-20.00 Previo Appuntamento

Casa di Cura Mater Dei

Via A. Bertoloni 34, Roma

Solo Attività Chirurgica

Centro MEDICA

V.le Le Corbusier 39,Latina

Visite, Manometria Ano-rettale, Riabilitazione del Pavimento Pelvico, Medicina estetica intima.

 

Ambulatorio

Martedì pomeriggio  

previo appuntamento

Poliambulatorio Galeno

Via Trento 52, Fondi (LT)

Visite, Manometria Ano-rettale, Riabilitazione del Pavimento Pelvico, Medicina estetica intima.

 

Ambulatorio

Giovedì pomeriggio  

previo appuntamento

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Francesco Saverio Mari